Il giornale delle Associazioni

Il giornale delle Associazioni
Il giornale delle Associazioni

venerdì 14 agosto 2015

La grande truffa.


La grande truffa

Nell' anno 1776, Thomas Jefferson dichiarava: “Se gli Americani consentiranno mai a banche privati di emettere il proprio denaro, prima con l'inflazione e poi con la deflazione, le banche e le grandi imprese che ne cresceranno attorno, priveranno la gente delle loro proprietà finché i loro figli si sveglieranno senza tetto nel continente conquistato dai loro padri. Il potere di emissione va tolto via dalle banche e restituito al popolo, al quale esso appartiene propriamente.” 


E' ormai risaputo che da qualche anno le banche non fanno più le banche. Buffo! Una struttura che guadagna dalla differenza tra quanto presta e quanto gli ritorna indietro dovrebbe fare questo di mestiere. Ma non si può rubare in casa dei ladri!!!!!! Infatti è molto più remunerativo entrare nel consiglio di amministrazione dell'  ente di garanzia (Banca d' Italia) nell' ente di controllo delle operazioni di compravendita titoli ( Borsa SPA) e appropiarsi di un diritto dello stato per generare direttamente moneta con la possibilità di contrarre debiti per importi superori a 25 volte il capitale sociale. Questo è il nuovo mestiere della Banca.


"L'attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario e' identica alla creazione di moneta da parte di falsari.
La sola differenza e' che sono diversi coloro che ne traggono profitto
".


Per spiegarsi meglio, siccome si dice che arlecchino si confessò burlando, racconto una barzelletta che tanto barzelletta non è :


Arriva un ricco turista tedesco. Si ferma la sua bella grossa auto davanti all'albergo della città, pone una banconota da 200 euro sul bancone e chiede di vedere le camere disponibili per scegliere una per la notte. per 200 euro, il proprietario dell'albergo gli dà tutte le chiavi e gli dice di scegliere quella che preferisce
Non appena il turista è sparito per le scale,
l'albergatore prende il biglietto di 200 euro, fila dal macellaio e regola il debito che ha nei suoi confronti.
Il macellaio si reca immediatamente da l'allevatore di maiali al quale deve 200 euro e paga il suo debito,
L'allevatore, a sua volta, si affretta a pagare la sua fattura presso la cooperativa agricola dove acquista gli alimenti per il bestiame.
Il direttore della cooperativa si precipita al caffè e risolvere il suo debito,
Il barista porta il biglietto alla prostituta che gli fornisce i suoi servizi a credito già da un po,
La ragazza, che occupa a credito le camere dell'albergo con i suoi clienti, breve pagare la fattura all'albergatore che pone il biglietto sul bancone, là dove il turista lo aveva posato in precedenza.

Il turista tedesco scende le scale, e non essendo riuscito a trovare una camere di suo piacimento, raccoglie il suo biglietto e se ne va.
Nessuno ha prodotto niente!
Nessuno ha vinto niente!
Ma più nessuno ha un debito!!!

Ecco perché, in questo momento,
le banche non hanno alcun interesse a prestare denaro

Le banche si arricchiscono finché siamo indebitati

Riflettiamo!!!!